Menu Superiore
SOCIAL
Menu Principale

Pubblicato il lug 7, 2014 in News, Vigilanza

Servizio Sorveglianza: Realizzazione sentiero escursionistico CAI nella Riserva Naturale di Monte Mario

Il 13 giugno scorso sono terminati, relativamente a quanto spettante al Servizio Guardiaparco,  i lavori di realizzazione del sentiero escursionistico di cui al Protocollo d’Intesa tra Romanatura e il C.A.I.-Club Alpino Italiano.

L’attività in oggetto era iniziata nella primavera 2011 con i primi sopralluoghi con gli esponenti del CAI e con la donazione da parte della ditta ORVI S.r.l. del legname già sagomato secondo le indicazioni del CAI, ed è rimasta sostanzialmente sospesa fino alla primavera 2013, data di costituzione del relativo Gruppo di Lavoro. In seguito, il lavoro è proseguito con la tinteggiatura delle frecce e la preparazione dei pali di sostegno con l’applicazione di catramina ed infine con la stampa serigrafica dei testi, nonché con la riapertura di alcuni tratti per mezzo della motosega dell’Ente, rimasti ostruiti da alberi crollati in seguito alla nevicata dell’inverno precedente. Dopo nuovi sopralluoghi iniziati nell’aprile u.s. per individuare la posizione esatta della segnaletica e attività preparatorie al montaggio effettuate in sede, sono iniziati, a partire dal 19 maggio i lavori di installazione della segnaletica senza utilizzo di calcestruzzo previo scavo delle buche per mezzo di attrezzi manuali (cartoccia, piccone, vanga). Ad ultimazione del lavoro frecce e supporti in legno sono stati trattati con impregnante protettivo.

Complessivamente sono state installate n. 26 frecce segnaletiche con indicazione delle destinazioni finali e intermedie e dei relativi tempi di percorrenza e n. 15 frecce direzionali mute; inoltre lungo l’intero percorso sono state realizzate, con vernice bianco-rossa, bandierine “di continuità” su pali, muri o altri supporti idonei.

Il sentiero, già nella fase di realizzazione, ha iniziato ad essere fruito con gradimento da visitatori ma purtroppo è già stato oggetto di atti vandalici che hanno reso necessaria la sostituzione o riparazione di varie parti; un cartello bidirezionale (con 2 frecce) non è stato più ritrovato.

Siamo fiduciosi che una corretta pubblicizzazione anche con il CAI potrebbe essere da ostacolo ad ulteriori atti vandalici che purtroppo non mancano nelle nostre aree protette.