Menu Superiore
SOCIAL
Menu Principale

Pubblicato il mar 3, 2015 in News

EXPO 2015 – APPROVATO PROGETTO SU AMP SECCHE DI TOR PATERNO

Gubbiotti: “ Grande occasione di promozione del territorio e di un modello di sviluppo sostenibile” 

L’Area Marina Protetta Secche di Tor Paterno sarà all’Expo 2015. E’ stato approvato dalla Regione Lazio il progetto per Expo 2015 “Area Marina Protetta Secche di Tor Paterno. Saperi e sapori nel mare di Roma”, presentato da RomaNatura, ente gestore dell’area marina, situata a largo del litorale romano tra Ostia e Torvajanica. Il progetto intende promuovere la conoscenza dell’Area Marina Protetta e del Borghetto dei Pescatori, valorizzandone i diversi aspetti  (ambiente, patrimonio ittico, patrimonio culturale e gastronomico), anche per giungere a una rivalutazione della piccola pesca professionale e del mercato ittico, con una serie di iniziative da svolgere presso l’Area marina protetta e presso la sede della Casa del Mare da primavera e fino a tutto l’autunno 2015.

 “Questo progetto, sviluppato in sinergia con le associazioni di categoria e alcuni rappresentanti del tessuto produttivo dell’area marina, rappresenta una grande occasione di rilancio dell’area marina e di un modello di sviluppo sostenibile– dichiara Maurizio Gubbiotti, Commissario straordinario di RomaNatura –.  E’ poi particolarmente importante anche per rilanciare l’intero sistema dei parchi di RomaNatura e vuole mettersi a disposizione delle politiche della Regione Lazio in campo ambientale, del turismo sostenibile e delle aree protette.
L’Area marina protetta Secche di Tor Paterno –
prosegue Gubbiotti – è un’eccellenza del mare di Roma ancora poco nota. A pochi passi dalla Capitale, riunisce elementi di pregio importanti: habitat di grande valore naturalistico, un patrimonio ittico diversificato, una tradizione culturale e gastronomica legata alla piccola pesca professionale. Il progetto intende valorizzare e far conoscere tutto questo, anche in un’ottica di rilancio economico delle piccole realtà marinare, come quella del Borghetto dei Pescatori viva a Ostia levante presso il Canale dalla fine dell’Ottocento ”.

Il progetto è incentrato sulla piccola pesca artigianale, attuata con attrezzature ecosostenibili, come le reti da posta, e i suoi prodotti d’eccellenza che comprendono sia specie pregiate sia specie considerate “povere”. Nel programma immersioni virtuali alle Secche, pescaturismo, degustazioni, laboratori di educazione ambientale per bambini e ragazzi, seminari e incontri con i pescatori del Borghetto per conoscere ricette e storie di mare, proiezioni in 3D dell’area marina, l’unica in Italia interamente sommersa.OLYMPUS DIGITAL CAMERA