Menu Superiore
SOCIAL
Menu Principale

Pubblicato il ott 12, 2016 in Focus On, News

 12 ottobre 2016  Via Taverna, cinghiale rovista tra i rifiuti

12 ottobre 2016
Via Taverna, cinghiale rovista tra i rifiuti

Vignali (Verdi Roma Municipio XIV): “Situazione simile in via Castagnola”. Gubbiotti (Roma Natura): “La presenza eccessiva è un’emergenza. Pronto il piano di contenimento”

“Per una grande parete di rifiuti ci vuole un grande cinghiale”. Parafrasando una famosa pubblicità degli anni Ottanta, Federico Vignali – responsabile dei Verdi nel Municipio XIV – ha fatto ricorso al sarcasmo mentre nel pomeriggio del 10 ottobre immortalava l’animale che rovistava tra i rifiuti in via Giuseppe Taverna.

“La situazione si ripete anche a pochi metri dall’asilo in via Paolo Emilio Castagnola – ha riferito a Roma Today – nei pressi del Parco dell’Insugherata è sempre pieno di impronte dei cinghiali. Non vorremmo che l’odore di immondizia e cassonetti aperti, richiami sempre più le famiglie di questi ungulati verso il centro abitato”.

In un quadro complessivo, va detto, la presenza eccessiva di cinghiali “rappresenta un’emergenza”. Queste sono state le parole di Maurizio Gubbiotti, commissario di Roma Natura, che al nostro giornale ha chiarito: “Il problema ha una sua storia. In passato il cinghiale maremmano si è estinto. Il ripopolamento, da parte delle organizzazioni venatorie, ha portato alla presenza del cinghiale dell’Est Europa, che ha dimensioni più grandi, fa più cuccioli e va in calore due volte l’anno”.

Da qui si sono create due criticità. “La prima riguarda i danni alla fauna – ha spiegato Gubbiotti – visto che la metà dei 16mila ettari dell’Ente sono agricoli. La seconda, invece, è di emergenza sociale, con i cinghiali che fuoriescono dai Parchi”.

Il commissario di Roma Natura, che ha riferito “non ho intenzione di far sparare nei Parchi”, ha indicato la soluzione: la cattura con le gabbie e il successivo conferimento. “Il nostro ufficio sta preparando il piano di contenimento – ha annunciato – attendo l’ok della Regione. I risultati dell’intervento, che partirà a breve, si vedranno non subito ma almeno tra un anno”.

Gubbiotti, in più, ha voluto indicare come comportarsi nel caso in cui ci dovessimo trovare a tu per tu con un cinghiale: “Non va ‘messo in un angolo’, perciò bisogna evitare di fare foto o video. Discorso diverso se sulla nostra strada dovessimo incontrare la femmina di cinghiale con i cuccioli: il consiglio, in tale circostanza, è di allontanarsi subito”.

cit. RomaToday.it

(foto Facebook Verdi Roma Municipio XIV)